sabato 12 ottobre 2013

RC Auto: come ho risparmiato 300 Euro con Chiarezza.it e Quixa.


Per me si trattava del primo rinnovo della Rc auto da quando è stato abolito il tacito rinnovo. Mi metto così alla ricerca della mia nuova polizza sfruttando i vari comparatori presenti sul web. Tutti di ottima qualità, veloci, intuitivi e preformanti, graficamente gradevoli. Scaldo i motori dei vari portali ed i test iniziano a dare i primi frutti con risparmi reali, tangibili, corposi. Nulla da eccepire, non è la solita promessa da mercante. Intanto prendo sempre più familiarità con i vari servizi, affino le mie ricerche e con loro aumentano le occasioni di risparmio. L'unica pecca riscontrata in un po tutte le piattaforme riguarda l'inserimento del numero di targa che una volta immesso nel form dovrebbe restituire in automatico alcuni dati del mezzo. Nel mio caso questo non accade e l'unica spiegazione che so darmi riguarda il fatto che due anni fa in seguito allo smarrimento della targa ne richiesi una nuova (operazione questa lunga scorbutica e costosa).

Poco male avevo sottomano tutti i dati utili alla compilazione dei form ovvero mese e anno di immatricolazione, marca e modello dell'auto, classe di merito etc... Alla fine ottengo le migliori performance in fatto di risparmio con facile.it e chiarezza.it rispettivamente con le compagnie Zurich e Quixa. Piccola premessa: la proprietà commutativa  secondo la quale cambiando l'ordine degli addendi il risultato non cambia, per qualche misterioso motivo non vale in fatto di comparazione delle RC Auto...  Infatti inserendo nei vari portali i medesimi dati, (modello auto, cilindrata e classe di merito) il premio offerto dalla stessa compagnia assicurativa cambia radicalmente da portale a portale. Nel mio caso per esempio sia con Facile.it che con Chiarezza.it, il massimo del risparmio lo ottengo con Quixa ma il premio annuo è diverso. Facile.it mi da Quixa ad un prezzo annuo di 356,06 Euro mentre su Chiarezza.it siamo a 396,65 Euro. In ogni caso l'obiettivo iniziale era già ampiamente raggiunto visto che la mia vecchia e non rimpianta compagnia assicurativa mi aveva preventivato per quest'anno un premio di 695 Euro nonostante abbia una classe di merito 2,  nessun incidente negli ultimi 5 anni e una patente immacolata. Incredibile, stavo risparmiando dai 300 ai 340 Euro per assicurare la mia macchina.

Cosa ho scelto? 

Vi spiazzerò ma ho optato per Quixa con Chiarezza.it in quanto questo comparatore (fino a ieri a me ignoto) ha una convenzione con Nectar e mi offriva 700 punti per sottoscrivere il preventivo. Così ho speso 40,59 Euro in più rispetto al preventivo di Facile.it ma quei punti, a me possessore della carta Nectar,  facevano veramente gola. Inserisco quindi  il codice della mia carta e clicco su "Vai al sito" (fig.2).

fig.2
Vengo collegato direttamente al portale Quixa già registrato con  username e password provvisori. Qui mi vengono offerte le classiche opzioni quali assistenza legale, assistenza stradale ed altri utili servizi a buon mercato che comunque non sottoscrivo. Nota di merito: mi viene assegnato un agente personale o meglio il mio consulente personale, con nome e cognome, un volto e linea telefonica dedicata, una vera killer application che da quanto mi risulta offre solo Quixa (fig.3). Notevole anche l'assistenza via chat con un operatore gentilissimo che risponde in tempo reale alle mie richieste fornendo risposte puntuali e precise. Vengo anche contattato telefonicamente ma avevo già risolto con l'help desk online. Penso: 'Sono probabilmente di fronte alla migliore assicurazione auto online ....al diavolo chi diceva che sottoscrivendo un rca sul web si possono avere dei problemi di reperibilità e comunicazione con gli operatori in caso di necessità '....  ma andiamo oltre.

fig.3
I passaggi successivi sono semplici e veloci: scansiono l'attestato di rischio rilasciato dalla precedente compagnia, la mia carta d'identità e il libretto di circolazione allegando i vari jpg all'email segnalatami da Quixa.
Ad ogni step compiuto, ricevo conferme sia per email che per SMS. Nel giro di trenta minuti mi comunicano che la mia posizione è stata approvata e finalmente posso procedere al pagamento online con Postepay.... niente di più facile e veloce. Immediatamente per posta elettronica arriva un pdf con il tagliando provvisorio (fig.4): lo stampo così da poter ritagliare il talloncino da posizionare sul parabrezza dell'auto in attesa del contrassegno ufficiale. Questo infatti viene  spedito con posta raccomandata e consegnato fisicamente in 2 giorni lavorativi.
fig.4
Che dire: promossi a pieni voti sia i comparatori che Quixa! Per me è stata un esperienza veramente positiva, completamente gestita da casa senza alcuna difficoltà e con la consapevolezza finale di avere in tasca circa trecento euro in più! Bazinga!
Posta un commento