mercoledì 14 ottobre 2015

Dal 18 ottobre 2015, cessa l'obbligo di esporre sull'auto il contrassegno di assicurazione.


Una nota del ministero dei Trasporti conferma che dal 18 ottobre 2015 non sarà più obbligatorio esporre il contrassegno dell'assicurazione sul parabrezza degli autoveicoli. Un'applicazione per verificare la regolarità dei pagamenti.

Il ministero dei trasporti con una nota diramata negli ultimi giorni afferma che "a decorrere dal 18 ottobre 2015, cessa l'obbligo di esporre sull'auto i contrassegni di assicurazione per la responsabilità civile verso i terzi".
 Contemporaneamente precisa che in ogni caso "resta l'obbligo di portare a bordo il certificato di assicurazione, pena l'applicazione delle sanzioni amministrative previste dall'art. 180 del Codice della strada". Viene cosi eliminato l'obbligo di esporre il contrassegno in quanto ormai e' pienamente operativa la banca dati sulla copertura assicurativa RCA, aggiornata in tempo reale dalle compagnie di assicurazione tramite la loro associazione di categoria Ania sul centro elaborazione dati della Motorizzazione.
I controlli quindi avverranno telematicamente con controlli incrociati sull'apposita banca dati e basterà inserire il numero di targa dell'automezzo. Le autorità potranno così ricorrere a controlli automatizzati, usufruendo anche dei presistenti dispositivi per il controllo del traffico (telecamere della ZTL) ed il rilevamento a distanza delle violazioni al codice della strada (ossia autovelox e Tutor).
I controlli sulla validità dell'RCAuto potranno addirittura essere svolti anche dai comuni cittadini, tramite un'app che si può scaricare dal sito web Portale dell'Automobilista. Si chiama Ipatente e fornirà i dati della copertura assicurativa, in tempo reale, di qualsiasi veicolo inserendone il numero di targa.

Posta un commento